Serenata a Roma

Serenata a Roma

Serenata a Roma

Veri professionisti a tua disposizione

Giocare al sassofono durante la chirurgia del cervello Giocare il sassofono durante la chirurgia del cervello. Un giocatore di sassofono ha ricevuto un giro di applausi da improbabili fan, mentre in una posizione strana: mentre stava sul tavolo operatorio. L’insegnante di musica Dan Fabbio, 25 anni, era stato diagnosticato con un tumore cerebrale benigno che era cresciuto lentamente fin dall’infanzia e che ha minacciato la sua carriera musicale. Dopo un successo di chirurgia per rimuovere il tumore, Fabbio dimostrò che la sua capacità musicale era stata mantenuta offrendo una perfetta performance sassofono proprio nella sala operatoria.
“Ha suonato in modo perfetto e quando ha terminato l’intera sala operatoria è scoppiata in applausi”, ha dichiarato Elizabeth Marvin, professore di teoria musicale presso la Eastman School of Music dell’Università di Rochester.
A partire dall’operazione, i ricercatori hanno dovuto determinare esattamente dove le informazioni musicali sono state elaborate nel cervello di Fabbio in modo da poterlo mappare. In un caso di studio pubblicato in Current Biology, Marvin, insieme a Brad Mahon, professore associato presso il Dipartimento di Scienze Cognitive e Cognitive dell’Università di Rochester, ha sviluppato una serie di prove musicali per Fabbio per eseguire all’interno di una macchina MRI. Questo tipo di scansione è in grado di rilevare i cambiamenti nei livelli di ossigeno, in modo che le parti del cervello attivate durante le prove potrebbero aiutare i ricercatori a individuare le aree importanti per la elaborazione di musica e linguaggio. Durante questi test, Fabbio è stato chiesto di ascoltare e poi tirare indietro una serie di brevi melodie. Inoltre, ha eseguito attività linguistiche in cui identificava oggetti e ripeteva le frasi.
Quando è arrivato il momento della chirurgia, il dottor Web Pilcher, un neurochirurgo dell’Università di Rochester, ha usato la mappa del cervello di Fabbio sviluppato da Mahon per guidarlo. Fabbio ha ripetuto le attività di ronzio e linguaggio dalla scansione MRI e Marvin, professore di teoria della musica, ha ascoltato in modo da poter segnalare ai chirurghi se hanno incontrato un’area del cervello che ha interrotto l’elaborazione musicale, che dovevano evitare.

Ecco cosa possiamo offrirti per la tua serenata a Roma

La capacità di elaborare e ripetere una melodia è importante, ma i chirurghi hanno voluto sapere se hanno mantenuto con successo la sua capacità di eseguire dopo aver rimosso il tumore, in modo che avrebbero voluto farlo giocare il sax durante la procedura. Questo ha presentato diverse sfide: avrebbe dovuto giacciono al suo fianco mentre giocava e il suo cervello poteva sporgere dal suo cranio a causa della pressione causata dai respiri profondi necessari per suonare lunghe note sul sassofono. Ciò ha spinto Fabbio e Marvin a scegliere una versione di una canzone popolare coreana che potrebbe essere modificata per essere giocata con più brevi e più brevi respiratori. Ha eseguito in modo perfetto.
La procedura di Fabbio aveva lo scopo di proteggere la sua corteccia audio primaria e altre parti del cervello che avrebbero influenzato la sua capacità di suonare la musica. Mantenere i pazienti come Fabbio svegli durante l’intervento chirurgico chiedendo loro di svolgere compiti possono aiutare i medici durante complicate procedure.
Non è la prima volta che un musicista è rimasto sveglio durante la chirurgia del cervello. Nel 2015, un uomo in Brasile ha eseguito la canzone dei Beatles “Yesterday” sulla sua chitarra durante la chirurgia del cervello. Anthony Kulkamp Dias, 33 anni, ha suonato sei canzoni in momenti determinati, anche se la sua mano destra era più debole perché erano i medici laterali operanti. Il tipo di tumore del cervello di Dias non è stato divulgato, ma i suoi sintomi implicano che il suo tumore potrebbe avere progressivamente peggiorato. I sintomi comuni dei tumori cerebrali includono cambiamenti nella funzione mentale di una persona e mal di testa, secondo Medline Plus.
Sia Fabbio che Dias hanno dato esibizioni di standing ovation nella sala operatoria. Fabbio si è completamente recuperato e ha ritornato all’insegnamento musicale entro sei mesi dalla sua operazione. Dias è stato liquidato con successo e ha continuato a perseguire le sue ambizioni musicali.
Fonte: Garcea FE, Chernoff BL, Diamond B et al. La stimolazione elettrica diretta nel cervello umano distrugge l’elaborazione della melodia. Biologia corrente. 2017.

Info su serenata a roma

Annunci